Up2U: con “La Stampa” il teatro arriva sul web


Up2U, il nuovo talent dedicato al teatro e promosso da La Stampa

Up2U, il nuovo talent dedicato al teatro e promosso da La Stampa

Prendi un quotidiano tra quelli a maggiore tiratura nazionale, trasportalo su internet, aggiungi un po’ di spirito tipicamente web 2.0, con partecipazione dal basso e condivisione, e concludi la ricetta inserendo il fondamentale ingrediente dei nostri tempi: la creatività. Creatività giovane (per un target che va dai 18 ai 35 anni) e ispirata alle arti sceniche: eccolo, è Up2u, il nuovo talent promosso dalla Stampa e inaugurato lo scorso ottobre. Uno show digitale alla ricerca di giovani talenti del palcoscenico, ecco in cosa consiste il progetto, primo talent contest organizzato dal quotidiano torinese. La sua forza è credere nel concetto di creatività, e scommettere che solo nuove idee e modi di esprimersi, giovani e potenzialmente ricchi, freschi e forti di una passione in piena esplosione, potranno essere la molla per un nuovo approccio alla società e una nuova prospettiva sul mondo. Giulia Vola, giornalista ideatrice del progetto, ci racconta meglio le motivazioni di Up2U.

Perché avete scelto di guardare al mondo del teatro?

Io sono una giornalista freelance e collaboro con la Stampa da alcuni anni, anni in cui ho anche avuto l’occasione di scrivere uno spettacolo teatrale che aveva a che fare con un tema attuale e del quotidiano, parlava infatti di immigrati e immigrazione. È uno spettacolo che ha vinto dei premi ed è andato anche in scena. Finita questa bella esperienza ho cercato un altro modo per riuscire a far dialogare il mondo del teatro con il mondo del quotidiano, e Up2U mi è sembrata la strada giusta. L’attenzione si è rivolta alle arti performative perché, a ben vedere, le altre arti nei talent che girano in tv sono già affrontare: musica, danza… Ora uscirà il talent per scrittori su Rai3, ma il teatro si prestava forse meglio per il web, e inoltre concorsi che riguardassero il teatro inteso in senso classico, come posto dove si vede uno spettacolo una sera, non ce n’erano. In questi anni in cui ho fatto teatro mi sono resa conto che c’era bisogno di una visibilità pazzesca, il giornale ha accettato la mia proposta mettendosi in discussione, e speriamo che sia una buona strada per offrire a tutti un modo diverso di vedere la realtà.

Cosa offrite ai partecipanti, cosa può nascere da questa esperienza?

Quello che Up2U offrirà è innanzitutto la visibilità su un quotidiano nazionale, tramite un provino caricato online: non tutti hanno una possibilità di visibilità così ampia. E poi i selezionati arriveranno su un palco vero, e potranno essere visti e conosciuti da persone del mestiere che altrimenti sarebbe difficile incontrare: oggi il principale problema è farsi notare, i critici non seguono i giovani e c’è sempre poco spazio sui quotidiani per parlare di teatro. Ecco, la grande necessità del teatro oggi è la visibilità, noi offriamo questo e la possibilità di interfacciarsi anche l’uno con l’latro, magari non proprio di creare delle compagnie, ma se poi la cosa si alimenterà, come dovrebbe essere, il contest potrebbe essere un terreno fertile per collaborazioni e scambi artistici.

Noi parliamo di giovani esordienti e Up2U è rivolto proprio agli esordienti: come li convinceresti a partecipare?

È un’occasione unica se sei alla ricerca, e il treno passa una volta sola! Con Up2U ciascuno è libero di esporsi, è un’occasione in un mondo in cui ci sono sempre meno occasioni, soprattutto per chi ha meno di trentacinque anni. Credo che, soprattutto i giovani attori, potrebbero prenderla in considerazione dal momento che regaliamo un pubblico gratuito, cosa che gli esordienti cercano e il sito della stampa fa circa un milione di visitatori al mese, certo più dei duecento posti di una sala teatrale!

 

Fino al 7 gennaio, ogni aspirante partecipante potrà inviare un provino, lungo non più di cinque minuti. Tra tutti i video arrivati, trenta saranno selezionati e per loro si apriranno le porte della redazione della Stampa, nei cui studi televisivi saranno registrate le performance. A questo punto i video verranno condivisi di nuovo in rete per essere votati dal popolo del web e da una giuria di esperti. Il  9 aprile saranno resi noti i nomi dei vincitori, che dovranno allora entrare in azione in vista del grande premio messo in palio da Up2u: l’esibizione ufficiale al teatro Carignano di Torino e alle Ogr (Officine Grandi Riparazioni).

Trasformare la creatività in una professione, è questa la promessa del contest: sarà mantenuta davvero? Non abbiamo che da seguire i provini e il sito dell’evento, in attesa di correre tutti a teatro!




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *