That’s a Mole!


Ci sono monumenti che diventano simboli, la nostra bella Italia ce ne fornisce una serie pressoché infinita: il Colosseo, la torre di Pisa, i trulli di Alberobello… E la Mole antonelliana di Torino. Portata a termine nel 1889 dall’architetto Alessandro Antonelli (la sua storia l’ha recentemente illustrata Ilaria Urbinati, noi ve ne avevamo parlato qui!) come, originariamente, sinagoga per la comunità ebraica, l’opera passò presto al Comune di Torino, che la trasformò in un monumento al Re e museo del Risorgimento, che ora è invece allestito a Palazzo Carignano. Solo negli anni Sessanta del Novecento la Mole ebbe il suo famoso ascensore panoramico, finché, dopo aver accolto varie mostre, diventò nel 2000 la sede ufficiale del Museo Nazionale del Cinema.

Dal 2014 That’s a Mole, bando di illustrazione promosso dall’omonima associazione, incentiva la diffusione dell’immagine della Mole antonelliana attraverso le idee più diverse e le reinterpretazioni dell’inconfondibile sagoma nelle vie creative più insolite. Il bando per la terza edizione è da poco stato aperto, c’è tempo fino al 15 aprile per inviare la propria candidatura e la propria idea. Il sito del concorso vi fornisce un’utile sagoma della Mole a cui attenervi, dentro alla quale scatenare la vostra fantasia.

La giuria selezionerà la Mole vincitrice, alla quale spetteranno 1000 euro, mentre altre 26 proposte, insieme alla vincitrice, saranno esposte davanti alla Mole Antonelliana, in via Montebello a Torino, come vi avevamo raccontato nel nostro articolo a proposito delle precedenti edizioni.

Che aspettate dunque a raccogliere una Mole di idee e spunti creativi?




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *