PARATISSIMA #DAY5


 

Giunge al termine la nona edizione di Paratissima dopo cinque giorni davvero unici e indimenticabili, durante i quali l’arte, come abbiamo più volte ricordato, ha preso pieno possesso del MOI e ha incantato e coinvolto grandi e piccini…è difficile dare l’arrivederci al prossimo anno e soprattutto prima di passare i saluti, dobbiamo raccontarvi un po’ cosa è successo oggi!

La giornata di domenica 10 novembre è stata perfettamente in linea con il programma dei giorni precedenti: ricca, bella, entusiasmante, tutta da vivere!

Laboratori, ancora tanti anche oggi, dedicati ancora una volta ad Arte e Territorio, a cura di Maura Banfo e Paolo Leonardo, nell’ambito di Paravideo si è svolto il laboratorio Cosplay, a cura di “Pepa” Pivaro e ancora Paratissima Photo Contest, con proiezione e premiazione a conclusione del concorso di Paratissima e VISUAL, a cura di Davide Giglio. 

Parakids oggi ha coinvolto i bambini con iniziative divertentissime a partire da alla Dino Gallery, 32 serrande colorate dai bambini dell’Istituto Comprensivo “Sandro Pertini”: presentazione del progetto, a cura dei coordinatori. Per i più piccini, l’Associazione Culturale Philadelphia ha organizzato delle interessanti passeggiate a cavallo e l’interessante laboratorio didattico per bambini dai 6 ai 10 anni dal titolo “Quello che vuoi con quello che hai”, tenuto da Giuseppe Colucci e Giovanna Diodati, promosso da Swart.

Sempre sulle serrande, si è tenuto un altro interessante contest artistico, o meglio, una vera performance live, questa volta rivolto a tutto il pubblico, si tratta di Your Shutter, che si è svolta appunto su alcune serrande della piazza Galimberti, a cura dell’Associazione “Il Cerchio e le Gocce”.

Una giornata ancora all’insegna della musica, nelle stazioni della metropolitana, dove numerosi artisti hanno intrattenuto anche oggi tutti quelli che hanno usufruito di questo mezzo di trasporto scendendo alle fermate Porta Nuova e Lingotto, una giornata anche all’insegna della moda, nella sezione Parafashion, apprezzatissima e davvero molto interessante. 

Santa Spongebob

Santa Spongebob

A conclusione di questa edizione possiamo confermare che è davvero impossibile restare impassibili e immobili di fronte all’arte, ognuno di noi ha una reazione, un sentimento di amore oppure odio nei confronti delle opere, Paratissima ha saputo risvegliare i sentimenti, gli artisti sono riusciti a punzecchiare gli spettatori, a urtare la loro sensibilità, a incuriosirli, a infastidirli, a incantarli. Paratissima ha smosso gli animi, gli ideali, ha dato spazio ai sogni e alla buona volontà. Ha premiato gli artisti che vogliono davvero emergere e far sentire la loro voce, ha anche saputo dare spazio ad artisti che non sempre trovano dei luoghi dove esporre, tra questi ricordiamo Max Petrone che ha, potremmo dire, esposto in extremis la sua opera a Paratissima, una giovane Madonna che regge in braccio il corpo non di un bimbo, come nell’iconografia classica, ma del simpatico Spongebob. Un’opera contro tendenza perfettamente in linea con lo stile di paratissima. 

La nona edizione di Paratissima è terminata, ma ArtInTime non ha ancora finito di raccontarvi le storie degli artisti, in questi giorni presso il nostro stand abbiamo avuto la fortuna di conoscere molti di loro e troverete presto tutte le interviste sul nostro sito. Continuate a seguirci! 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *