Sbarca in Italia Kickstarter, colosso del crowdfunding


Avete uImmaginen progetto innovativo da proporre ma non sapete come finanziarlo? Da oggi arriva anche in Italia Kickstarter, la piattaforma made in USA dedicata al crowdfunding, ossia alla raccolta di finanziamenti “dal basso” a livello mondiale grazie al web.

Kickstarter permette ora anche ai creativi e agli inventori italiani di lanciare la propria campagna di finanziamento in una delle quindici categorie presenti – dalla musica ai film, dal giornalismo al design – per realizzare i propri progetti. Si potranno raccogliere fondi in euro, utilizzare i propri dati bancari locali e descrivere i propri progetti sia in italiano che in inglese.

La piattaforma di crowdfunding, fondata nel 2009 a New York dal giornalista musicale Yancey Strickler assieme a Perry Chan e Charles Adler, ha dato vita finora a più di 86mila progetti innovativi di registi, musicisti e designer, raccogliendo qualcosa come 1,6 miliardi di euro grazie al contributo di 8,8 milioni di persone.

Ogni progetto, per essere realizzato, deve raggiungere un minimo di fondi entro una certa data altrimenti decade e nessuna quota viene addebitata ai finanziatori. Non è possibile trarre un guadagno in denaro dal proprio investimento, né acquisire quote del progetto supportato la cui proprietà rimane al 100% in mano al proprio ideatore.

Yancey Strickler, co-fondatore e Ceo di Kickstarter, si è mostrato molto ottimista al momento del lancio di Kickstarter in Italia, da sempre terra di grandi creativi, e ha dichiarato a Wired che il suo modello è simile a quello del mecenatismo di tipo rinascimentale con l’unica differenza che non occorre più essere nobili per finanziare un progetto.

Secondo una ricerca condotta da Duepuntozero Doxa per PayPal Italia e Rete del Dono, nel 2014 il 28% degli internauti italiani che ha contribuito a un progetto di solidarietà ha anche partecipato a una campagna di crowdfunding.

C’è quindi motivo per essere ottimisti e per mettersi in gioco con la propria creatività!

Alessandro G. Fuso




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *