Cupids: The Movie


cristinaUn progetto ambizioso #SaveTheCupids, che sorregge un interessante cortometraggio. Una commedia romantica, che scava nella società di oggi con ironia e disincanto.

Vi siete mai chiesti se lo sconosciuto che vi siede accanto nella metro, o la ragazza che incrociate spesso mentre prendete il caffé sia la vostra anima gemella? O piuttosto, come molti qui a Londra, guardate con sospetto ogni sconosciuto che vi sorride? La paura del prossimo sta uccidendo tanti, troppi Cupidi.

When was the last time you smiled at a stranger? Or made eye contact with someone in a cafe? We know that murderers and rapists are pretty rare, yet we act like every stranger in our midst could be one of them.

They are all around us. And they are dying. Can an Indie short film save the Cupids?

Può un film indipendente salvare i Cupidi?

Chiediamolo alle menti dietro al progetto il regista/produttore Angelo Calarco e lo sceneggiatore Nick Grills.

Tell us, where the concept “Cupids:The Movie” is coming from?

Da dove nasce il progetto dietro alla realizzazione del corto “Cupids: The Movie”?

Nick:

The concept for the script of “Cupids: The Movie” came from my spending so much time in coffee shops. I have quite a visual imagination and had the image of invisible cupids sitting with the customers. This combined with noticing how strangers don’t talk to each other, even when sitting at the same table. Being a lover of comedy my idea turned into a story about frustrated cupids trying to get their two humans to talk.

L’idea per la sceneggiatura di “Cupids: The Movie” è nata dalla mia assidua frequentazione di coffee shops. La mia immaginazione è molto ricca di elementi visivi e ho avuto questa visione di cupidi invisibili seduti accanto ai clienti. Questo è stato il motore, combinato alla constatazione che tra sconosciuti non si comunica, neppure se si è seduti l’uno accanto all’altra allo stesso tavolo. Amando la commedia, il tutto per me si è trasformato in una storia che parla di cupidi frustrati a forza di cercare di far entrare in comunicazione i loro due esseri umani.

Angelo:

The concept for the campaign #SaveTheCupids comes from the script of Cupids: The Movie (of course…). When I first read the script I immediately realised that there was more than a funny comedy behind the lines: there was also a big social satire about the alienation of people in modern times, especially in big cities. So to promote the campaign I tried to amplify this message with the use of a shocking image that could show, in a creative way, the bad consequences of this kind of behaviour. But I also wanted to give a simple message that could show how to avoid it. So the project “Indifference Kills” and the campaign “Smile, Talk and #SaveTheCupids” was born from the social satire.

Il concetto dietro la campagna di #SaveTheCupids nasce ovviamente dalla sceneggiatura del corto. La prima volta che lo lessi capii subito che si trattava di qualcosa di più che una semplice commedia divertente: c’era sopratutto satira sociale sull’alienazione dell’uomo moderno, specialmente nelle grandi città. Perciò per promuovere lo campagna ho cercato di amplificare il messaggio attraverso l’uso di immagini shock che potessero mostrare in maniera creativa le conseguenze negative di questo tipo di comportamento. Volevo, inoltre, comunicare un messaggio semplice che mostrasse come evitare tali conseguenze. Da qui nascono l’idea “Indifference Kills” e la campagna “Sorridi, Parla e #SaveTheCupids”, dalla satira sociale originata nella sceneggiatura.

What was the most challenging part so far?

Che ostacoli state incontrando nel vostro percorso creativo? 

Nick:

There were three years in between writing my script and Angelo asking to make it. The hard part of writing a script is to keep believing in it and take notes from people without letting them ruin your intention for the story.

Sono passati tre anni dalla stesura della sceneggiatura alla proposta di Angelo di metterla su pellicola. La parte più complessa dello scrivere una sceneggiatura è continuare a credere in essa, prendere spunto dalle idee di altre persone senza che però compromettano l’intenzione finale della storia.

Angelo:

Obviously the fundraising! We have chosen to pursue the production of “Cupids” in the purest indie spirit; so we decided to set up a crowdfunding campaign to finance the movie. As John Trigonis says in his book “Crowdfunding for Filmmakers”, promoting a campaign is a full time job and for me it has been the most challenging part of the production so far. But I have to admit that is also one of the funniest: the challenge consists not only in raising money, but doing it in a creative and entertaining way!

Sicuramente la raccolta di fondi! Abbiamo deciso di perseguire la produzione di “Cupids” nel più puro spirito indipendente; quindi abbiamo deciso di dare il via a una campagna di crowdfunding per finanziarlo. Come afferma John Trigonis nel suo libro “Crowdfunding for Filmmakers”, promuovere una campagna è un lavoro a tempo pieno e per me è stata l’esperienza più difficile fino ad ora. Ma devo ammettere che è anche una delle più divertenti: la sfida consiste non solo nel raccogliere soldi ma soprattutto nel farlo in modo creativo e interessante!

How did you meet each other and which are your personal goals throughout the making of the movie?

Come vi siete conosciuti e quali sono le aspettative personali legate alla realizzazione del corto?

Nick:

Angelo and I originally met at a monthly writing group where we would read and comment on each other’s scripts. It was two years later that he got in touch with me to make “Cupids”.

Io e Angelo ci siamo incontrati in un gruppo di scrittura creativa che si riunisce mensilmente, dove leggiamo e commentiamo le sceneggiature di tutti i membri. Dopo due anni dal primo incontro Angelo mi ha contattato per portare alla luce Cupids.

Having made many no-budget short films, taking just a few weeks, my personal goal with Cupids is to make a film properly. This means working with the director on drafts, getting a team together, raising the budget, doing PR, marketing and entering film festivals.

Avendo prodotto diversi corti senza budget in poche settimane, il mio obiettivo personale attraverso “Cupids” è di realizzare un film come si deve. Questo significa lavorare a stretto contatto con il regista sulle prime stesure, assemblare un team, trovare il budget, fare pubbliche relazioni, strategie di marketing e entrare nel circuito dei festival.

Angelo:

As Nick said, we met at a monthly scriptwriting group where I was lucky enough to read the script of “Cupids: The Movie”. I remember I loved it and recommended Nick to “please, don’t change a coma in the script.” Two years later I was looking for a comedy to produce and direct and “Cupids” came to my mind again. I found Nick online and got in touch asking if Cupids had been produced already. He said it hadn’t, so from that moment we started our journey to bringing this story to life.

Come ha detto Nick, ci siamo incontrati in un gruppo mensile di scrittura creativa, dove sono stato così fortunato da leggere la sceneggiatura di “Cupids”. Ricordo di averlo amato da subito e di aver detto a Nick “per favore non cambiare una singola parola della sceneggiatura”. Dopo due anni stavo cercando una commedia da produrre e dirigere e “Cupids” mi è tornato in mente. Ho contattato Nick online e chiesto se la sceneggiatura era già stata prodotta. Mi disse di no e da quel momento abbiamo iniziato il viaggio per portare alla luce questa storia.

My personal goal with “Cupids” is to return doing an entertaining and artistic product, after a few years spent mainly in settling myself into a new country. I moved to London from Turin more than 4 years ago and tried to never stop studying and refining my visual storytelling techniques, even whilst learning a new language and culture. I consider “Cupids” my dissertation in the “English speaking” Cinema world and a chance to show my full commitment to this magnificent form of art.

Il mio obiettivo è di tornare a creare un prodotto artistico e divertente allo stesso tempo, dopo alcuni anni passati ad ambientarmi in un nuovo paese. Mi sono trasferito da Torino a Londra più di 4 anni fa e ho cercato di non smettere mai di studiare e affinare le mie tecniche di narratore visivo, nonostante stessi imparando una nuova lingua e una nuova cultura. Considero “Cupids” la mia tesi sul Cinema Inglese e un’occasione di mostrare la mia devozione totale a questa magnifica forma d’arte.

Who are the actors and how did you select them?

Chi sono gli attori di questo corto e come li avete scelti?

Nick :

No casting until we have our budget.

Nessun casting è stato ancora fatto finché non abbiamo raggiunto il nostro budget.

Angelo:

I can just say that we will also cast real Cupids…

Posso solo dire che sottoporremo ai casting anche veri Cupidi…

What’s the best pictorially expression to reassemble the core of the movie?

Quale immagine visiva riassume meglio il concetto centrale del cortometraggio?

Nick :

For me it is two cupids in between two humans, watching the two humans chat like you would watch a tennis match.

Per me è quella di due cupidi in mezzo a due umani, che li osservano conversare come si osserverebbe un match di tennis.

Angelo:

Same here, but with the two Cupids in a puppet theatre.

Lo stesso per me ma con i due cupidi in un teatro delle marionette.

Did you find your own Cupid?

Avete trovato/salvato il vostro cupido?

Nick:

Yes, my cupids did their job well and moved on to someone else about ten years ago.

Si, i miei cupidi hanno fatto il loro lavoro come si deve e hanno spostato il loro interesse su qualcun altro circa dieci anni fa.

Angelo:

I had my Cupid behind me for a very long time: I must admit I treated him pretty badly. He probably thought I was a case with no hope and that he wouldn’t ever leave me. I was the worst nightmare a Cupid could face: a committed single.

Ho avuto il mio cupido a guardarmi le spalle per lungo tempo: devo ammettere di averlo trattati piuttosto male. Probabilmente ha pensato fossi un caso senza speranza e che non avrebbe mai potuto abbandonarmi. Sono stato uno dei peggiori incubi che un cupido debba affrontare: un single impenitente.

But then he said bye bye around one year ago and moved on to another human. I want to believe that after all this time he must have been pretty happy for me. But I know for sure that he was much more happy for himself!

Ma poi ha deciso di lasciarmi circa un anno fa e di dedicarsi ad un altro essere umano. Voglio credere che dopo tutto questo tempo passato insieme sia stato piuttosto contento per me. So di sicuro che è stato molto più contento per se stesso!

La campagna di #SaveTheCupids può essere visualizzata sul canale vimeo o youtube o a questo indirizzo (sottotitolato in italiano):  https://vimeo.com/111110159. La playlist Lost Cupids raccoglie video fatti dalle persone che supportano la campagna mentre sotto la dicitura #savethecupids – indiegogo ci sono i video, singoli, di ringraziamento.

In arrivo nelle prossime settimane “Fallen Cupid” che è adesso in post produzione.
Per saperne di più seguite link:
Crowdfunding now on Indiegogo
FacebookTwitterYoutubeVimeo, Instagram: @cupidsthemovie

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *